I paesi con le banche più sicure

E’ uscito da poco un dossier, effettuato dal World Economic Forum, che mettendo insieme diversi indicatori capaci di mostrare la salute delle istituzioni di un determinato paese ha analizzato ed evidenziato i paesi con le banche più sicure.

Paesi con le banche più sicure

Ha inoltre fatto un sondaggio nel quale ha chiesto ai cittadini: “in generale, come si fa a percepire la solidità delle banche?” Quindi, la misura non si è basata su misurazioni economiche complesse o contabilità oggettiva, ma piuttosto sulla reale percezione della popolazione.

I paesi sono classificati da 1 (banche hanno bisogno di più soldi) a 7 (le banche sono generalmente non hanno problemi).

L’indagine ha dimostrato che i cittadini del Regno Unito e negli Stati Uniti in realtà non si fidano dei loro sistemi bancari dopo le recenti crisi che hanno colpito diverse banche. Il Regno Unito si è classificato pertanto all’ 89° posto e gli Stati Uniti al 49° posto al mondo, sotto l’Honduras, la Namibia ed il Perù.

Primi paesi al mondo

10. Svizzera – Anche se per poco ma entra nella top 10. Nel paese elvetico le persone però stanno perdendo la fiducia nelle loro banche. Nonostante il paese del segreto bancario è stato a lungo tra i migliori e più sicuri al mondo, negli ultimi anni la Banca nazionale svizzera ha perso 51 miliardi di $ l’anno. Vedi le migliori banche svizzere

9. Slovacchia – In questo giovane paese europeo i gruppi bancari stranieri dominano il settore finanziario. La loro presenza arriva addirittura al 90% del totale con le banche austriache ed italiane presenti in forze.

Tale presenza, unita ad efficaci manovre economiche e politiche del governo, ha reso la Slovacchia un paese stabile e sicuro.

8. Israele – Israele è stato tra quelli che non ha avuto grandi crisi bancarie dal 1983. In Israele lo stato rimane ancora un grande azionista in molte banche private e pertanto la solidità è legata allo stato stesso.

7. Lussemburgo –  Il paese è famoso in tutto il mondo per il suo settore finanziario.

La sua BCEE è classificata come tra le più sicure al mondo. Essendo in Europa aprire un conto non è poi così difficile.

6. Cile – Il settore bancario del Cile è un buon esempio degli effetti positivi di una crisi. Nonostante la crescita economica del paese sia crollata del 13% nel 1982, dopo un enorme crollo bancario, con le nuove leggi introdotte negli anni ’80 e ’90 il Cile è diventato una nazione con uno dei più forti settori finanziari di tutto il mondo.

5. Norvegia –   La Norvegia dopo la crisi bancaria nel 1991, ha visto due dei suoi grandi quattro istituti di credito crollare.

In tale occasione il governo è intervenuto cambiando le leggi per stabilizzare il settore. Da quel momento la solidità del sistema bancario norvegese è fuori discussione.

4. Finlandia –  Il settore bancario della Finlandia è dominato da cooperative e casse di risparmio.

Visto che queste non compiono operazioni ad alto rischio i cittadini finlandesi possono dormire sonni tranquilli.

Primi tre paesi

3. Australia – Un gruppo di quattro banche principali si dividere la maggior parte del settore bancario.

Mentre le banche straniere sono tenute sotto controllo in modo da prevenire problemi di qualsiasi genere. La sicurezza è massima.

2. Nuova Zelanda – Al secondo posto troviamo il settore bancario della Nuova Zelanda.

Il settore è dominato da un gruppo di cinque operatori finanziari. Grazie ai profitti sempre alti ed alla crescita senza troppa concorrenza il settore ha prosperato senza problemi di nessun genere.

1. Canada – Le banche canadesi sono state per molto tempo sinonimo di stabilità. Nel Canada ci sono stati solo due piccoli fallimenti bancari regionali in quasi 100 anni.

Neppure durante la Grande Depressione del 1930 il sistema è entrato in crisi. Il Canada è sicuramente lo stato che rende i cittadini sicuri e felici!

Mettete al sicuro il risparmio

Se volete mettere a sicuro i vostri risparmi, questi sono i paesi con le banche più sicure al mondo.

Purtroppo in questa classifica dei paesi con le banche più sicure , nonostante la propaganda e le rassicurazioni del governo, non si trova l’Italia.

Questo significa che i cittadini del belpaese hanno perso la fiducia e la sicurezza nello stato, e di conseguenza, nel sistema economico e bancario!