Tassi usurai banche, i massimi tassi interesse applicabili

Tassi usurai banche

Se avete contratto un mutuo oppure un prestito con una banca o istituto finanziario è opportuno verificare se i tassi che vi sono stati applicati sono entro i limiti fissati dalla legge. Ultimamente sentiamo sempre più spesso parlare di tassi usurai banche senza sapere però quali sono e come possiamo difenderci.

Occorre pertanto guardare il contratto stipulato nel quale sono riportati gli importi da pagare e verificare che questi non siano oltre il tetto massimo. In caso superino la soglia di legge possiamo intervenire legalmente per il recupero delle somme dovute.

Norma legale

Inseguito alla legge n. 108 del 07/03/1996, il legislatore emana la norma specifica per la rilevazione oggettiva dell’eventuale usura applicata dagli operatori finanziari definendo che “la legge stabilisce il limite oltre il quale gli interessi sono sempre usurari”. Pertanto non sono le banche a decidere i tassi, ma bensì la legge, e loro se li applicano oltre i limiti consentiti sono punibili e condannabili al risarcimento.

Facendo una verifica sui limiti legali in corso, puoi controllare se il prestito o il mutuo sottoscritto è usuraio. I tassi medi delle operazioni di finanziamento per la definizione del tasso usuraio sono pubblicati ogni trimestre dalla Banca d’Italia.

Massimi tassi interesse applicabili

Questi i tassi d’interesse effettivi globali medi e tassi massimi ai fini dell’usura per il trimestre in corso. Puoi verificare tutti gli aggiornamenti dei tassi anche sul sito della Banca d’Italia.

Cosa fare se il tasso è usuraio

Per sapere se un tasso è usuraio dovete confrontare questi tassi medi aumentati di un quarto a cui si aggiungono altri quattro punti percentuali. In questo caso vi conviene procedere immediatamente con un avvocato per il recupero delle somme in eccesso pagate. Ricordate che vi devono anche pagare le spese legali sostenute ed eventuali danni morali.

L’iter migliore da seguire per il recupero delle somme pagate è il seguente:

  • Fai un reclamo alla tua banca o finanziaria chiedendo il rimborso immediato delle somme pagate in più.
  • Se fanno i furbi e non rispondono prendete un avvocato, che loro poi pagheranno, è rivolgiti all’Arbitro bancario e finanziario per la risoluzione del contenzioso.
  • Se anche questa soluzione ha esito negativo rivolgiti all’Autorità giudiziaria con una perizia econometrica fatta persone competenti. Le ultime cause sono state tutte a favore dei cittadini truffati.

Pertanto in caso di tassi usurai è possibile fare causa alla banca che ha applicato tali tassi. Ricordate che un banchiere che pratica tassi si usura non è una persona seria, pertanto non esistate a procedere nei termini di legge.